venerdì 8 marzo 2013

Crostata mimosa speziata

Oggi si celebra la Giornata internazionale della donna per ricordare le conquiste di un secolo senza dimenticare discriminazioni e violenze.
Giornata appunto, non festa come viene comunemente definita e che si limita a uscite di branchi di donne scatenate che passano la serata "in rosa" accompagnate da spogliarelli maschili che, per un giorno, garantiscono una pseudo-uguaglianza nello squallore. Questi comportamenti non fanno che suscitarmi, puntualmente, tantissima compassione! Ridurla ad una festa di sedicente libertà ne svilisce il vero significato e ci offende tutte, mascherando la realtà dei fatti. Non ho mai pensato che bastasse un solo giorno di puerile rivalsa per colmare la disparità di diritti fra i due sessi! Vi siete mai chieste perché non esista la festa dell'uomo? Certi diritti si raggiungono attraverso un'educazione della società che certo non si ottiene con le parole e le dimostrazioni di solidarietà una volta all'anno.

Ingredienti

Per la pasta:
350 gr di farina 00
120 gr di burro
2 uova
100 gr di mandorle tostate
80 gr di zucchero
4-5 cucchiai di marsala
1 cucchiaino colmo di lievito vanigliato
scorza grattugiata di 1 limone non trattato
sale
Per la crema e la guarnizione:
2,5 dl di latte
3 tuorli
20 gr di farina
70 gr di zucchero semolato
cannella
1/2 baccello di vaniglia
scorza grattugiata di 1 arancia non trattata
100 gr di pan di Spagna
zucchero a velo q.b.


Preparata la frolla facendo fondere il burro. Tritate le mandorle con lo zucchero, versate il mix sulla spianatoia, unite un pizzico di sale, la scorza del limone, il lievito, la farina e mescolate. Aggiungete un uovo e un tuorlo, il burro tiepido, impastate brevemente versando poi il Marsala. Avvolgete la pasta nella pellicola e lasciatela riposare in frigo per 30 minuti. Per la crema, portate a ebollizione il latte con un pizzico di cannella, la vaniglia e la scorza grattugiata dell'arancia. Sbattete a spuma i tuorli con lo zucchero, unite la farina, il latte filtrato e fate addensare a fiamma bassa; spegnete al bollore. Stendete la pasta a uno spessore di 1/2 cm e rivestite una tortiera di 28 cm. Punzecchiate la pasta, copritela con un foglio di carta da forno, coprite con una manciata di sale grosso o di legumi secchi e infornate a 180° per 25 minuti. Intanto sbriciolate il pan di Spagna e tostatelo in forno. Stendete la crema sul guscio di pasta e completate con il pan di Spagna e lo zucchero a velo. Decorate con scorzette d'arancia.

*Con questa ricetta partecipo la contest Giornata della donna

8 commenti:

  1. Cara Ines condivido in pieno quanto hai scritto, non giudico chi lo fa ma io non lo approvo per il senso che dò io a questa giornata, la tua crostata avrà tutto un altro sapore per il significato profondo delle tue parole, ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. Bellissima mai fatta la crostata mimosa !
    bravissima!

    RispondiElimina
  3. ma che bella la crostata mimosa mai vista!!!!complimenti....buon we....

    RispondiElimina
  4. Concordo, forse molte donne dovrebbero amarsi di più, questo dovrebbe essere il giorno del ricordo delle sofferenze che ci sono state e della consapevolezza che ancora c'è molto da fare per cessarle.
    Sulla crostata che dire, l'avrei voluta oggi, io non ho preparato nulla di buono.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Una crostata stupenda.. speziata poi è unica! Bravissima amica.. come non essere d'accordo con te? Speriamo che un giorno si giunga alla consapevolezza, alla saggezza e all'intelligenza.. cosa che ad oggi mancano troppo spesso. Auguroni e un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Condivido in pieno le tue parole cara.La tua crostata in onore di questa giornata e deliziosa.Bravissima.Bacioni

    RispondiElimina

inizio pagina